PRODOTTI DISPONIBILI

--------------------------------------

SENAPE

 

Seminata, cresciuta e raccolta nei pressi di Gazzolo di Ramiseto, dove abbiamo il nostro laboratorio. La nostra SENAPE si può trovare nelle due varianti "forte" e "delicata", non presenta conservanti chimici e come ingredienti ha: semi di senape bianca, aceto di mele, zucchero di canna e olio di girasole.

La facciamo anche in edizione limitata con cavolo cappuccio e limone, leggermente più acida e di un brillante colore rosa.

LE GIARDINIERE

 

Un grande classico della cucina italiana. I nostri sottoli e salse seguono le stagioni e il ritmo naturale della vita in montagna. Le materie prime provengono dal nostro orto, con qualche intrusione di prodotti selezionati da aziende affini alla nostra filosofia di minimo intervento umano.

La più classica è la JARDIN, di cipolla borettana, cipolla di tropea con germogli e semi di senape. Il sottolio che segna la fine dell'inverno è invece il DEEP PURPLE, con cavolo rosso, arancia rossa e cipolla borettana.

Sono cotte in vasocottura, durante la pastorizzazione, limitando così al minimo necessario la manipolazione del prodotto.

ERBE SELVATICHE

 

Le erbe selvatiche sono una fonte inesauribile di sapori ricchi, rustici e di sostanze nutritive. La natura ce ne regala molte di commestibili, un patrimonio di saperi che va conservato e valorizzato. Forti di corsi fatti, curiosità e tendenza a perderci nei boschi e nei terreni incolti, abbiamo realizzato la nostra prima produzione con fiori di tarassaco, ortica, erba cipollina selvatica (Allium schoenoprasum) e cipolla di tropea. BORN TO BE WILD è un sottolio dal taglio irregolare e deciso e un sapore intenso che stupisce. 

TORCH

 

Salsa marinata e poi messa sott'olio composta da 14 ingredienti. Ispirata al "torsci" persiano e al "fire cider" americano, il nostro TORCH è una ricetta originale ed esclusiva che ben rappresenta il melting pot culturale e geografico che ha segnato le nostre vite. Ha un gusto forte e intenso, ideale per accompagnare formaggi e per insaporire panini e crostini. Va provato anche con un semplice riso in bianco, magari cucinato con la doppia cottura orientale.

COTOGNATA

 

Solo tre ingredienti per la classica COTOGNATA:

pera cotogna, zucchero di canna, limone.

Da abbinare a formaggi o da spalmare come una normale composta.

CUPIDO

 

CUPIDO è la nostra composta di mela cotogna rivisitata. Avevo sbagliato a invasettarla, di fronte a me avevo cacao in polvere e peperoncino e puff... è venuta buonissima, acida, dolce e piccante. Come l'amore.

Il melo cotogno è coltivato fin dal 2000 A.C. (Babilonia), importato dai greci nelle loro calde terre, ben presto i suoi frutti sono divenuti mitologico. Era un frutto sacro di Afrodite, è il famoso pomo d'oro di molte storie e pare che le giovani dovessero mangiarne una prima della notte di nozze.

Ora è una pianta abbandonata, resiste perché molto rustica e per il suo legame con la terra. Le mele cotogne spesso vengono lasciate marcire a terra, se gli va bene qualcuno le regala per pena, per non sprecare, con sufficienza... è solo una cotogna.

Il messaggio è che senza il passato non c'è futuro e che
ci vuole consapevolezza quando si dona o si lascia cadere a terra qualcosa.

SALE PARTIGIANO

 

La notte del 20 novembre 1944, al casolare di Rabona, a pochi passi da Castagneto, ora frazione del nuovo Comune di Ventasso (Reggio Emilia), un gruppo di otto partigiani risponde al fuoco degli invasori nazifascisti, ingaggiando una furiosa sparatoria contro i nemici. Questi otto giovani del distaccamento "Amendola", inferiori di numero, hanno così favoritola fuga del comando della 32° Brigata, sito in Castagneto, che poté trasferirsi a Lugolo con tutti i suoi materiali ed i carteggi. Andò invece perduto, bruciato nel corso della battaglia, un magazzino dell’intendenza di brigata nel quale erano stati raccolti molti abiti pesanti in vista dell’inverno e circa 80 kg di sale. L’azione di disimpegno è costata cara agli otto eroi: quattro morti ed altrettanti prigionieri, ai quali spettò la medesima sorte dei loro compagni.

 

Valico Terminus ha deciso di dedicare agli otto ribelli della montagna due linee di sali aromatizzati , usando erbe e bacche di montagna:

 

il sale estivo con mirtillo selvatico, camomilla, elicriso e mentastro. Fresco e intenso, ideale per grigliate,  per condire insalate una volta tritato e per piatti speziati.

 

il sale invernale con prugnolo, ginepro, salvia dei prati e cipolla selvatica, da usare per arricchire arrosti e pesce.

 

I combattenti:

Tony (camomilla), Francesco (mirtillo), Smit (ginepro), Pippo (elicriso), Vincere (prugnolo), Bruno (mentastro), Corsaro (cipolla selvatica) e Nando (salvia dei prati).

 

AL MOMENTI DISPONIBILE SOLO IL SALE ESTIVO